top of page
  • Laura

I mandala in natura

di Serena Fantini


Il termine màndala deriva dal sanscrito e generalmente viene tradotto con “cerchio” anche se letteralmente può significare “contenuto di essenza”. Si tratta di una struttura concentrica organizzata intorno a un punto centrale che si apre verso l’esterno attraverso disegni semplici o talvolta molto complessi. Troviamo esempi di mandala sin dall’antichità da Oriente a Occidente, dai disegni di sabbia dei monaci buddhisti ai rosoni della tradizione cristiana.


Ma per quale motivo questa forma è comune a tutte le culture?

Possiamo trovare la risposta guardandoci intorno, per esempio osservando un fiore dall’alto o tagliando un arancio a metà: la natura regala da sempre meravigliose forme che hanno ispirato rappresentazioni artistiche, figure simboliche e pratiche religiose.

Il mandala è simbolo di armonia e movimento continuo ed è stato associato fin dalla Preistoria alla ciclicità del giorno e della notte e a quella delle stagioni.


Noi di Parcobello, che pensiamo alla natura come maestra di insegnamenti preziosi e stimoli creativi, dedichiamo a questa figura misteriosa uno dei nostri laboratori e vogliamo raccontarti come, attraverso quelle che sono le caratteristiche comuni di tutte le nostre esperienze all’aperto.


IL RISVEGLIO DEI SENSI

La Signora Natura, come la chiamiamo nei laboratori per bambini, invita principalmente a stupirsi delle cose semplici. Anche soltanto muoversi alla ricerca di esempi di mandala in un ambiente naturale stimola nei bambini la curiosità, focalizza l’attenzione, crea aspettativa, proprio come in una caccia al tesoro. Per gli adulti è una risorsa per allontanare i pensieri e ritrovare la gioia di essere nel momento presente.


IL MOVIMENTO

Ogni forma che la natura ci offre è stimolo di movimento e possiamo provare a riprodurla insieme attraverso il corpo, perché il mandala è una figura che unisce, creando aggregazione e collaborazione. Nasce da un centro, che possiamo scegliere di cambiare così come le cose cambiano a seconda di come le guardiamo in quel momento: il bimbo più piccolo del gruppo, l’unico vestito di rosso o quello più alto. E questo è il pretesto per inventare giochi da fare tutti insieme.


LA CREATIVITA’

La natura insegna anche che ognuno è diverso dagli altri, con un personale mondo interiore, propri gusti e un proprio modo di pensare e osservare. Ogni stagione regala elementi naturali da raccogliere secondo le preferenze personali per poi mettere in gioco la creatività, il proprio senso artistico ma anche quello simmetrico e della gestione dello spazio (in pratica entrambi gli emisferi del cervello) realizzando un disegno unico e originale.


IL RACCONTO

Senza alcuna intenzione di scomodare il dottor Jung che interpretava i mandala come specchio delle proprie emozioni, noi di Parcobello siamo piuttosto golosi di fantasia ed è per questo che amiamo farci raccontare dai bambini le loro opere che durante i laboratori creano una vera e propria mostra artistica all’aria aperta.


LA CONTINUITA’

Il messaggio più importante che riceviamo dalla natura e dalla forma circolare dei mandala, è che tutto è sempre in movimento e non si può fermare: nasce, cresce, si trasforma e termina per poi rinascere nuovamente. Questo è il motivo per cui i laboratori di Parcobello finiscono con un rituale di saluto nel quale restituiamo alla terra ciò che ci ha donato, in questo caso sotto forma di bellissimi mandala.




33 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page