top of page

Green canopy: un nuovo modo per generare ombra in città

Si chiama Green Shades ed è il primo sistema al mondo realizzato da SingularGreen che consente l'installazione di tende da sole vegetali, aprendo la via a nuove possibilità per l'arredo urbano e delle tensostrutture in città.

Il progetto ha partecipato nel 2017 a Urban GreenUp Project, un progetto europeo finanziato dal programma Horizon 2020 a cui collaborano 25 partner di 9 diverse nazionalità, con lo scopo di mitigare gli effetti del cambiamento climatico, migliorare la qualità dell'aria e la gestione dell'acqua, nonché aumentare la sostenibilità della città. Il tutto si è concluso nel 2020 e sono state realizzate diverse azioni nelle città di Liverpool, Izmir e Valladolid.

In particolare l’installazione è stata effettuata lungo via Santa Maria a Valladolil per una lunghezza di 201 metri, una via stretta che non avrebbe avuto lo spazio necessario per il posizionamento di alberi o altro tipo di vegetazione.

Le tende sono sostenute da un sistema di cavi di tensionamento e piastre in acciaio inox e per l'approvvigionamento e il ritorno dell'acqua è stata installata una trave centrale in traliccio di alluminio che corre lungo la strada.

Le vele vegetali sono composte da una chioma vegetale tessile triangolare lunga quattro metri, seminata con specie selezionate appositamente per il clima di Valladolid. Questo sistema, chiamato LeafSkin®, rende le vele con vegetazione il miglior sistema di giardinaggio verticale al mondo.


Non le trovate incredibili anche voi?

I benefici di queste e delle tende da sole vegetali in generale sono molteplici: creare ombre e protezione dalla pioggia nello spazio pubblico, introdurre vegetazione nelle aree urbane con spazi limitati, migliorare la qualità dell’aria filtrando gas nocivi e producendo ossigeno, ridurre l’inquinamento acustico, regolare la temperatura e l’umidità.

Non le trovate incredibili anche voi?


Copyright immagini: SingularGreen

22 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page